"Oggi, primo settembre c’è il temporale. Sono ancora a girarmi nelle lenzuola e pensare come sarà ritornare a scuola e affrontare le piccole e grandi cose che ogni giorno, ti stringono la gola. Perché diciamo la verità, per quanto un giorno possiamo ricordare “la scuola e momenti” adesso, sono i momenti peggiori della nostra vita, cioè cazzo ma capite che ritornerà l’ansia perché devi essere interrogato, non ti senti sicuro e la professoressa è una merda?
Pensate alle mattine piovose e “non voglio andare a scuola” perché ovviamente hai dormito poco, vivi male e a scuola ti fanno sentire peggio. Ci pensate alle giornate in cui c’è un po’ di sole, però fa un freddo cane e il professore di educazione fisica ti costringe a scendere in cortile perché deve fare la sua materia che non serve ad un cazzo?
Sì, diciamo anche questo: Sfruttiamo l’ora solo per parlare o per fumare nascosti dietro i muretti o in bagno, con le porte che fanno da scudo.
Pensate alle volte in cui, c’è silenzio in classe perché dovete fare un compito e tu, sì proprio tu che aiuti sempre, guardi gli altri per una mano, loro non ti ascoltano, non rispondono al tuo sguardo smarrito, così con quel poco che hai consegni il compito, guardando male tutti gli altri compiti compilati dalla prima all’ultima. Pensate a quante volte, la prima cosa che dicono non è “come stai?” Ma “hai fatto il tema? Posso copiarlo?”. Ma vaffanculo tu e tu sorella.
Vaffanculo anche al distributore che fa i capricci solo quando vai tu a prendere qualche snack. Vaffanculo alle note di classe, che son sempre più di dieci e quelle personali, date anche quando non fai niente e quella troia si sveglia scema. Vaffanculo a tutto questo casino, ai libri che pesano in borsa e quelli che dimentichi con un “era di mio cugino e oggi aveva questa materia” che poi tuo cugino, fa pure un’altra scuola. Alle notti in bianco perché hai l’interrogazione che può salvarti il culo.
Il 2 che la professoressa mima con le dita e un ceffone che vorresti darle. Le ingiustizie, i favoriti, la tua stessa versione è quella del “favorito” , tu avrai 4 e lui 8.
I post con scritto ‘la scuola mi ha fatto incontrare persone stupende” e tu invece odi tutti le pecore che devi vedere ogni giorno.
No, ragazzi davvero. Vedo molti post felici sulla scuola e gli amici, ma dove cazzo andate a scuola?
In un posto sperduto dove esistono tutte le persone di tumblr?
Ma qui la scuola è tutto un ‘porca puttana che ansia”, ‘porca puttana devo ancora vedere ste bestie?’"
-

Haipromessodiportarmialmare. (via haipromessodiportarmialmare)

Madonna mia ma io corro a farti la statua.

(Via laragazzasenzauncuore)

(via laragazzasenzauncuore)

"«Mi chiamo Hazel. Augustus Waters è stato il grande amore avversato dalle stelle della mia vita. La nostra è stata una storia d’amore epica, e io non riuscirò ad aggiungere nemmeno un’altra frase senza scomparire in una pozza di lacrime. Gus sapeva. Gus sa. Non vi racconterò la nostra storia d’amore perché come tutte le vere storie d’amore morirà con noi, come deve. Speravo che facesse lui il discorso funebre per me, perché non c’è nessun altro che vorrei facesse…» Mi sono messa piangere. «Okay, come non piangere? Come posso…Okay. Okay.»
«Non posso parlare della nostra storia d’amore, quindi vi parlerò di matematica. Non sono un matematico, ma una cosa la so: ci sono infiniti numeri tra 0 e 1. C’è 0,1 e 0,12 e 0,112 e una lista infinita di altri numeri. Naturalmente c’è una seria infinita di numeri ancora più grande tra 0 e 2, o tra 0 e un milione. Alcuni infiniti sono più grandi di altri infiniti. Ce l’ha insegnato uno scrittore che un tempo abbiamo amato. Ci sono giorni,e sono molti, in cui mi pesano le dimensioni della mia serie infinita. Vorrei più numeri di quanti è probabile che ne vivrò, e Dio, voglio più numeri per Augustus Waters di quelli che gli sono stati concessi. Ma Gus, amore mio, non riesco a dirti quanto ti sono grata per il nostro piccolo infinito. Non lo cambierei con niente al mondo. Mi hai regalato un per sempre dentro un numero finito, e di questo ti sono grata.»"
- Colpa delle stelle, John Green (via onenoonehundredthousand)

(via comefumotraledita)

Anonimo ha chiesto:

blog preferiti??

chiamanondimentica Rispondi:

haiunsorrisocheelafinedelmondo 

rememberforforget